ABOUT ME

Sergio Sechi è nato nel 1967 a Roma, dove vive e lavora. Ha frequentato fino al 1984 l’Istituto Statale d’Arte Silvio d'Amico per poi diplomarsi al Liceo Artistico Casal de Merode.

Dopo una lunga pausa (1984-2014) ha ripreso l'attività di fotografo. I suoi scatti compaiono su periodici e quotidiani (tra i quali Premium, Focus Storia e il Sole 24 Ore) e sono stati scelti come copertine per alcuni volumi di narrativa e saggistica. Si è aggiudicato riconoscimenti nel 2016 e nel 2017 alla prima e alla sesta edizione del MOSTRO, collettiva fotografica presso la Tevere Art Gallery di Roma, a cura di Luciano Corvaglia.

Il 5 Marzo 2016 è stato l'artista più votato in occasione de "Il Cadavere Squisito #9" un evento organizzato dalla Tevere Art Gallery e dall’artista e curatrice Virginia Zeqireya.

Nell’agosto 2016 ha esposto presso l’ex convento dei domenicani a Muro Leccese (LE) in occasione di “For the love of God”, collettiva artistica internazionale.

Nel 2017 ha preso parte alla settima edizione "Diecilune – Festival dell’Autore - Il lato oscuro", organizzato dal Circolo letterario Bel-Ami. Sempre nel 2017 ha partecipato con una sua opera a "Les Rencontres de la photographie" ad Arles.

Partecipazione al seminario: " Lectio Magistralis di Fotografia" dal 26 Gennaio 2017 al 7 Luglio 2017 organizzato dal museo nazionale della arti del XXI secolo (Maxxi) 

Nel dicembre del 2018 i reportage sulle artiste Tiziana Cera Rosco e Francesca Romana Pinzari vengono inseriti nel libro sulla performance  "Il corpo delle donne" di Lori Adragna.

"Sono andato a letto presto" è stata la sua prima mostra personale (a  cura della storica dell'arte Maria Arcidiacono)

Ha partecipato poi ai seguenti progetti:

- a Ottobre 2019 Edizione n.19 de Il Cadavere Squisito (collettiva artistica)

- a Febbraio 2020 The Darkroom Project #7 – presso il Castello di Santa Severa Il progetto è parte della Biennale_MArteLive_Plus.

- a Marzo 2020 The Darkroom Project Otto | Palazzo Doria Pamphilj (S. Martino al Cimino) con due opere di cui una inedita.

"Cieli di fango" è la sua seconda mostra personale (a cura della storica dell'arte Maria Arcidiacono) con il patrocinio del Comune di Roma, con la collaborazione della Cooperativa Sociale integrata onlus "Magazzino"

e con la collaborazione dell'associazione di promozione sociale "Ottavo Colle"